Il blog di Isico dedicato alla scoliosi
Cerca nel blog

Prima notte in corsetto? Parola d’ordine resistere!

25 gennaio, 2023 (11:46) Di: Bruno Leonelli

Nella vita dei ragazzi che devono combattere contro la scoliosi, c’è un momento particolare della terapia che determina il prima e il dopo…la prescrizione del corsetto.
Non è sempre facile prendere confidenza con il corsetto e per quanto possa sembrare difficile portarlo di giorno, per alcuni la difficoltà maggiore arriva la notte.

La prima notte in corsetto ci si trova ad avere un ospite indesiderato nel letto, con il quale condividere il proprio spazio sul materasso, che fino alla notte prima non ci si era resi conto davvero di quanto fosse morbido.
La prima notte sarà la più dura e la più lunga, ma se si riesce a resistere alla tentazione di toglierlo, si arriverà con tanto di quel sonno arretrato alla seconda notte che, da lì in poi, non si farà nemmeno caso al corsetto.

Sarà normale iniziare a girare tutti gli angoli del materasso e fare la trottola. Pancia sopra, pancia sotto, sul fianco, sull’altro fianco e poi ricominciare. I primi minuti sembreranno ore e il sonno apparirà un ricordo lontano.

I più sfortunati, che iniziano la terapia in estate, dovranno aggiungere a queste prime difficoltà anche il caldo e tante sudate, ma niente di insormontabile.

Ovviamente, se chi indossa il corsetto per la prima volta, passerà la notte insonne, è giusto che trascorra la notte insonne tutta la famiglia! E se proprio non si riesce a trovare un modo per riposare, magari si potrà passare del tempo con i genitori, chiacchierando o giocando insieme.

Se arrivati a notte fonda non siete ancora riusciti ad addormentarvi, di certo avrete la tentazione di aprire il corsetto e buttarlo il più possibile lontano da voi: resistete, perché da un momento all’altro quella posizione che prima vi sembrava la più scomoda al mondo, diventa a poco a poco più sostenibile, fino a quando vinti dalla stanchezza vi si chiuderanno gli occhi e scoprirete quale sarà la posizione più comoda per voi per dormire.

Scrivi un commento