Il blog di Isico dedicato alla scoliosi
Cerca nel blog

Scoliosi allo specchio: estetica e supporto psicologico di Irene Ferrario

14 febbraio, 2022 (12:37) Di: Irene Ferrario

Quante volte osservandoci allo specchio ci ritroviamo a guardare ogni piccolo particolare con attenzione chirurgica, a volte ingigantendo dei difetti estetici che gli altri nemmeno notano? Capita anche in presenza di curve e asimmetrie dovute a una patologia come la scoliosi che, agli occhi dei nostri giovani pazienti, diventano estremamente evidenti quando invece spesso amici e familiari dicono di non vedere proprio nulla di anomalo nella loro schiena.

Una piccola premessa. L’attenzione all’estetica della schiena riveste un ruolo fondamentale all’interno di un trattamento per la scoliosi non solo perché costituisce uno degli obiettivi del trattamento (Negrini et al., 2018), ma anche perché un’alterazione più o meno marcata dell’aspetto della schiena può avere ripercussioni sul piano psicologico.

Certo è anche che la valutazione estetica del proprio corpo e del corpo degli altri è un atto estremamente soggettivo e i dettagli a cui noi prestiamo particolare attenzione possono non essere gli stessi su cui si soffermano gli altri.

“Nel caso della scoliosi, le asimmetrie dei fianchi o delle spalle o la presenza di un gibbo possono essere per qualcuno dei difetti insopportabili, mentre per altri possono apparire degli aspetti del tutto trascurabili – spiega la dott.ssa Irene Ferrario, psicologa di Isico – Tutto questo può essere completamente indipendente dalle valutazioni cliniche oggettive e dipendere, invece, dall’umore del momento o dall’importanza che attribuiamo all’aspetto fisico in un dato contesto”.

In alcuni casi la preoccupazione per l’estetica può raggiungere livelli molto importanti e diventare una vera e propria ossessione che fa consumare tempo e risorse mentali nel tentativo di mascherare quelli che vengono percepiti come difetti.

“Minimizzare la problematica estetica o cercare di convincere i pazienti che non sono presenti difetti può, in alcuni casi, essere controproducente – continua la dott.ssa Ferrario – Nei casi più gravi, infatti, utilizzare la logica per scardinare queste convinzioni non porta a niente se non alla perdita dell’alleanza terapeutica.”.

 

Perché chiedere un supporto psicologico

In questi casi è consigliabile, quindi, chiedere aiuto a uno psicologo o a uno psicoterapeuta, anche se molto spesso le persone sono restie a intraprendere questo percorso perché sono convinte che l’unico modo per stare meglio sia rimuovere il difetto fisico.

Ecco perché in una terapia che funzioni dobbiamo sempre mettere al centro anche l’attenzione agli aspetti psicologici.

Da una parte, lo specialista deve comprendere e dimostrare al paziente di accettare i motivi che lo fanno soffrire. Una volta constatato che il paziente si sente accolto e capito, il terapeuta dovrà pian piano e con molta cautela iniziare a proporre la formulazione di ipotesi alternative che spieghino i motivi della sua sofferenza e dovrà supportare il paziente stesso a creare collegamenti far ciò che lo fa soffrire e l’influenza rispetto a questo dell’ambiente e delle persone con cui vive.

“Quando ci guardiamo allo specchio o in una fotografia pensiamo che ci venga restituita la stessa immagine che vedono gli altri quando ci guardano – dice la dott.ssa Ferrario – in realtà, il nostro occhio sarà sempre più allenato di quello degli altri a individuare le nostre insicurezze e i dettagli che non ci piacciono. Mentre gli altri ci osservano nel nostro insieme e non si soffermano troppo sui particolari, noi tendiamo ad analizzarci pezzo per pezzo e la nostra attenzione viene subito richiamata da quel particolare che ci mette a disagio”.

L’obiettivo principale di un percorso condiviso è ridurre il più possibile la discrepanza tra come vorrei apparire agli altri (sé ideale), come penso di dover apparire agli altri (self-guide) e come realmente appaio agli altri (sé reale).

“La terapia che sviluppiamo con il nostro paziente ha l’obiettivo di aiutarlo a ricostruire la rappresentazione della propria immagine corporea, favorendo una maggiore consapevolezza dei punti di forza e dei punti di debolezza – conclude la dott.ssa Ferrario – Nel tempo il paziente riesce a integrare questa nuova immagine, fino ad arrivare ad una visione più realistica di sé stesso e a una maggiore tolleranza nei confronti degli aspetti del proprio corpo che percepiva come negativi”.

 

Commenti

Commento di gian marco
Il 26/05/2024 alle 00:53

buona sera..sacrosante parole…ma avvolte non è facile…ho 50 anni ..31 anni nell esercito a combattere non solo il nemico ma anche la mia scoliosi che mi porta un gibbo destro…puoi anche accettare i tuoi difetti ma quando anche i conoscenti ti accarezzano la schiena per cercare un conforto fortunoso allora crolli e cancelli la libertà mentale di piacerti…trasformandola in rabbia…ho combattuto …ho spinto al massimo il mio corpo per superare ogni ostacolo…e sono riuscito a essere ciò che desideravo ..un Militare..ma oggi a 50 anni mi ritrovo con un delirio legato al mio aspetto…delirio ricorrente ogni decennio…So lavorare su me stesso e sia sul corpo sia sulla mente …ma stavolta sta durando troppo il mio status…ho una bella vita…una famiglia…un lavoro…e le giornate sono dignitose…so anche che ciò che vedo io non è la pura realtà dell’insieme che vedono gli altri di me… ma tutte le mie forze…le mie rassicurazioni avvolte cadono quando anche un parente ti accarezza LA GOBBA…e li che sono vulnerabile. …capisco che la nostra società ancora non è preparata ad accettare un difetto e si dedica ancora a superstizioni medioevali non capendo l’enorme coltellata che dona nel porre quella mano su una patologia…ma è difficile ….molto difficile…e si crolla mentalmente…

Commento di Irene Ferrario
Il 27/05/2024 alle 04:10

Caro gian marco,
mi spiace molto per le difficoltà che ancora è costretto ad affrontare a causa della scoliosi, nonostante la sua forza e il suo impegno nel corso degli anni per superare gli ostacoli. 
È naturale sentirsi abbattuti quando chi ci circonda non comprende appieno ciò che stiamo vivendo e il dolore che avvertiamo. Purtroppo spesso anche le persone a noi più vicine non si rendono conto del male che possono fare con le loro parole e i loro comportamenti.
E’ naturale allora sentirsi sopraffatti dal peso di queste emozioni ma non siamo mai soli in questo percorso. Parlare e confrontarsi con qualcuno che possa offrire un supporto come psicologo o psicoterapeuta  spesso aiuta a sentirci meglio e ritrovare il nostro equilibrio, fatto di forza ma anche fragilità.
Le auguro di ritrovare presto la serenità
Irene Ferrario 

Commento di Giovanni brown
Il 27/05/2024 alle 23:42

Salve ho 16 anni e ho messo il busto da qualche mese. Non ho riscontrato molti problemi usando il busto però il mio problema è che quasi sempre faccio delle cose che con il busto non riesco a fare e quindi spesso non riesco a tenerlo 18 ore come prestabilito e avvolte non ne lo metto per giorni. vorrei sapere se questo potrebbe influenzare molto sulla cura di questa scoliosi( ho 34 gradi di scoliosi però ho fatto una visita qualche settimana fa e il dottore mi ha detto che le curve sono diminuite e che sto migliorando)
Per qualche settimana non ho portato il busto, questo potrebbe aver influito sul mio lavoro svolto, nche se il medico non ha riscontrato nessun problema.

Commento di Bruno Leonelli
Il 31/05/2024 alle 10:23

Ciao Giovanni,
la terapia in corsetto ha bisogno di continuità e costanza per poter essere efficace, un indossamento altalenante può essere poco efficace, se non peggiorativo in alcuni casi.
Non mettere il corsetto per giorni o per settimane, molto spesso equivale a perdere il risultato ottenuto con mesi di sacrifici.
Il continuo dare sostegno con il corsetto e toglierlo non portandolo per giorni, non riesce a dare stabilità alla colonna vertebrale, per questo è importante rispettare sempre le ore prescritte dal medico.
Sappiamo che la terapia in corsetto è una sfida molto impegnativa da portare avanti, soprattutto all’inizio si fa fatica a trovare un equilibrio perché sembra che il corsetto possa limitarci nei movimenti e nelle nostre attività, ma una volta che ci si è abituati si riesce a fare di tutto. Ti metto qui di seguito il link del sito del nostro Concorsetto dove troverai video di altri ragazzi come te che riescono a svolgere qualunque attività in corsetto.
Il miglioramento che è stato riscontrato durante la visita di controllo probabilmente è posturale, infatti per questo tipo di risultato possono bastare poche ore di corsetto al giorno, ma per migliorare anche la curva a livello radiografico ci vogliono costanza e indossamento del corsetto per tante ore.
Non è importante che sia rispettata sempre la stessa fascia oraria, puoi togliere il corsetto nel momento della giornata che preferisci, se per esempio oggi hai un impegno nel pomeriggio, togli il corsetto nel pomeriggio, se invece domani hai un impegno di mattina, puoi toglierlo di mattina, l’importante è che tu rimanga senza corsetto per 6 ore continuate e che dopo tu lo rimetta.
Spero di esserti stato d’aiuto.
Bruno Leonelli

Commento di Giovanni brown
Il 03/06/2024 alle 23:54

La ringrazio di cuore Bruno, dopo il suo messaggio sto cercando i metterlo il più possibile anche se a volte per i miei impegni sportivi non riesco a tenerlo 18h, volevo chiederle un altra informazione: ma se faccio una pausa di qualche minuto per andare in bagno o semplicemente per rilassarmi un po’ senza busto può dare problemi? Perché fare 18h senza mai togliere il busto la vedo un po’ difficile hahaha

Scrivi un commento